logo theatricalMass

Theatrical Mass

Coincidenze teatrali organizzate a Milano

mag
2

EFFETTO LUCIFERO

 

DRAMMATURGIA Dario Merlini

REGIA Umberto Terruso, Dario Merlini, Andrea Lapi

CON Stefano Cordella, Francesco Meola, Fabio Zulli, Daniele Crasti, Dario Sansalone, Massimiliano Mastroenni

CO-PRODUZIONE Òyes e Teatro Filodrammatici

Progetto vincitore del Premio Giovani Realtà del Teatro 2010

Testo finalista Premio Riccione 2011

 

Sei uomini qualunque, sei sconosciuti, trovano rifugio in una  casa isolata.

I Padroni di Casa danno loro tutto ciò di cui hanno bisogno: un tetto, un lavoro, del cibo e sei tute pulite: solo a tre di queste sono abbinate le chiavi di tre stanze. Sei persone qualunque diventano così due gruppi, due “popoli” e una casa isolata diviene il territorio da conquistare e difendere in attesa del ritorno dei Padroni, mentre “quello che c’è fuori” continua a imperversare.

Capita che i buoni debbano difendersi dai cattivi. Che debbano imprigionarli, per non vivere nella paura. Capita che i buoni, dopo averli imprigionati, umilino  e torturino i cattivi. Che li eliminino, fisicamente o moralmente. Capita spesso. Capita ovunque.

Sicuramente tra i buoni ci saranno delle “mele marce” che hanno provocato la violenza, persone malate che l’Autorità isolerà e punirà. Oppure è l’Autorità  stessa che, creando arbitrariamente una distinzione tra buoni e cattivi, creando un “nemico”, permette alla violenza di esplodere?

L’EFFETTO LUCIFERO E L’ESPERIMENTO CARCERARIO DI STANFORD

La nostra cultura, i media e, più in generale, l’opinione pubblica, ci abituano ad interpretare la violenza ed i fenomeni storici che l’hanno vista esplodere come degli “errori” all’interno di strutture sociali altrimenti “sane” e funzionanti.

Come spiegare l’insorgere della violenza all’interno di strutture create per combatterla, come nei recenti casi di abusi sui detenuti di Guantanamo.

Negli anni ’70,  il prof. Philip Zimbardo, docente e ricercatore presso l’Università di Stanford, negli USA, conduce un esperimento di psicologia sociale che diventerà un caso: suddivide un gruppo di normali studenti arbitrariamente in “guardie” e “carcerati”, i ragazzi, volontari, dovranno simulare per due settimane la vita carceraria. L’esperimento, successivamente noto come l’ ”Esperimento Carcerario di Stanford”, dovrà essere interrotto dopo soli cinque giorni:  i partecipanti avevano preso talmente seriamente i rispettivi ruoli, pur sapendo di far parte di un “gioco” che poteva essere fatto cessare da chiunque in qualunque momento, da obbligare lo scienziato a fermarli per salvaguardarne l’incolumità fisica e mentale.

Zimbardo, scioccato dagli effetti della “situazione” simulata sui comportamenti dei giovani, elabora la teoria analitica dell’ “approccio situazionale” ai fenomeni umani: l’uomo è estremamente vulnerabile di fronte al potere dell’Autorità, sotto qualsiasi forma essa si manifesti. Le pressioni esercitate da una struttura autoritaria su gruppi di individui, hanno il potere di indebolirne le capacità critiche e di trasformare persone miti e solitamente ritenute “morali”, in efferati carnefici privi di scrupoli e rimorsi, perché psicologicamente indotti, con la somministrazione di stimoli corretti, a delegare le responsabilità degli atti compiuti a qualcosa di più grande di loro, un’invisibile e potente Autorità.

 


blog comments powered by Disqus